• Chirurgia Femminile

    Chirurgia Femminile

    La moda dell’epilazione totale, l’uso indiscriminato di indumenti intimi e pantaloni troppo succinti, il prolungamento della vita sessuale ben oltre la menopausa, spingono un numero crescente di donne a rivolgersi a un chirurgo per risolvere problematiche estetiche e funzionali nella zona intima.
    Pur restando un fenomeno di nicchia, quello degli interventi di chirurgia plastica femminile, è in fortissima crescita: in Italia, dal 2011 al 2012, si è registrato un aumento del 24% (dati Aicpe), mentre negli Usa c’è stato un balzo in avanti del 50% (dati Asaps).

    “Riceviamo sempre più richieste e di diverso tipo, pur trattandosi di interventi delicati sia dal punto di vista tecnico, sia sotto il profilo etico”, dice il dott. Marcello Melandri ginecologo e Presidente della AISAL, “è un fenomeno che comunque non può essere ignorato” – ha affermato – “le più giovani richiedono la labioplastica, ossia il rimodellamento delle piccole labbra troppo sviluppate, causato in parte rilevante dall’ USO COSTANTE DI indumenti stretti TIPO JEANS, CHE DETERMINANO UN DECUBITO DECISO E PROLUNGATO NELL’ ARCO DELLA GIORNATA CON IL CONSEGUENTE SVUOTAMENTO DELLE GRANDI LABBRA (ATROFIA )E IL CONTESTUALE AUMENTO DELLE PICCOLE LABBRA, POSTE A DIFESA DELL INTROITO VAGINALE (IPERTROFIA ).  Le meno giovani richiedono non solo il sollievo dalla secchezza e dal prurito dovuti alla carenza estrogenica, ma anche la riacquisizione di un maggior tono vaginale per poter vivere con soddisfazione una prolungata vita sessuale che oggi prosegue anche per svariati anni dopo la menopausa”.

    Sono crescenti anche le richieste di ricostruzione dell’imene da parte di giovani donne mussulmane, per simulare una nuova verginità, necessaria a evitare non solo il rifiuto da parte del promesso marito, ma sopratutto per scongiurare gravi ritorsioni di tipo religioso integralista.

    La chirurgia femminile consiste nel miglioramento estetico chirurgico delle strutture vulvari:

    – piccole e grandi labbra;

    – monte di Venere;

    – perineo (la regione compresa tra la vagina e l’ano);

    – l’orifizio vaginale;

    – imene.

    L’intervento di labioplastica riduttiva a mezzo laser ha come obiettivo il modellare e rendere simmetriche le piccole labbra per evitare che si proiettino oltre le grandi labbra. L’obiettivo viene raggiunto attraverso una precisa incisione laser fotocoagulante che permette di ridurre la dimensione delle piccole labbra e di modificarne eventualmente la forma.
    Con la labioplastica laser si raggiunge questo obiettivo senza provocare sanguinamento,e sopratutto limitando moltissimo il dolore postoperatorio,e il rischio di cicatrici che con il corretto uso del laser non devono formarsi .

    Perineoplastica laser

    Produce un’azione di ringiovanimento a mezzo laser della zona perineale. Grazie alla massima precisione del raggio laser è possibile disepitelizzare con altissima precisione il tessuto interessato. Si produrrà un tessuto “nuovo” dall’aspetto più giovane.

    Imenoplastica

    L’ Imenoplastica (ricostruzione dell’imene) ripara questa membrana ripristinando chirurgicamente le caratteristiche anatomiche vulvari della verginità. Questo intervento è molto richiesto dalle donne che – per motivi culturali, sociali o religiosi – sono sensibili a questo valore.

    Leave a reply →

Photostream